gototopgototop

Visionare l'informativa sulla privacy
  • soci
    Chi siamo
  • story
    Storia
  • attivitasportiva
    Statuto e fondazione
  • comunity
    SAI Community
  • attrezzatura
    Materiali e tecnica
  • gallery
    Gallery
  • aicc2015
    AICC 2015
Messaggio
  • Il presente Sito Web utilizza solo cookie di tipo tecnico e di terze parti. Non sono implementati cookie di profilazione. Proseguendo la navigazione e cliccando con il mouse in qualsiasi punto dello schermo esterno al presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies.

    Prendi visione della privacy

7 APRILE 2019 - A CONCLUSIONE IL LXXI CONCORSO INTERNAZIONALE.

 

La Thuile è un piccolo gioiello fra le montagne della Valle D'Aosta, fra buona cucina e piste innevate. Le ultime nevicate hanno rivestito il paese di un’aura fatata.

 

Con le nuvole che giocavano a rincorrere il sole, la neve l’ha fatta da padrone il mercoledì e in parte il giovedì, giornata degli arrivi, regalando un venerdì d’oro e cieli azzurri, mentre il sabato tra le nebbie e qualche improvvisa schiarita il tempo ha consentito, dopo un paio di rinvii, lo svolgimento regolare delle 2 manche di gigante. La domenica delle partenze gravava una cupola grigia con radi fiocchi di neve.


Presenze copiose soprattutto dal S.A.I. Napoli, ottime in generale dalle altre sedi.

Grande soddisfazione della Presidente Veronica Campanile per la riuscita della manifestazione, dopo il vuoto di Tignes (Francia),  dovuto a impraticabili condizioni meteo.


Il venerdì, mentre gli atleti affinavano la tecnica allenandosi tra i pali, un gruppo di appassionati freerider si è avventurato in gita al Mont Valaisan, 2891 m, una bella cima sul confine italo-francese tra il comune di La Thuile, in territorio valdostano, e la stazione di La Rosiére, nel Savoie francese. Itinerario molto bello per l’ambiente selvaggio che lo caratterizza. La discesa si articola lungo diverse valli che confluiscono nella parte bassa del comprensorio, 1450 m di dislivello.

Vi hanno partecipano Nicoletta Levi, Umberto e Andrea Avanzi, Alessandro e Stefano Melloni, Piero Antonini, guidati da Beppe Villa, brillante guida di Courmayeur.
 


 

Il sabato giornata di gare, sotto il Chaz Dura.


Venti piccoli atleti e atlete dalla categoria “topolini” alla categoria “ragazzi”,  dieci nella categoria “allievi”e “giovani”, sette “seniores”, quarantasei “master”, si sono dati battaglia sulla pista sulla pista 16. (In allegato le classifiche, e le foto nella Gallery).
Gli altri a plaudire, festeggiare. A sciare in libertà.
 

 

È seguita la premiazione al Planibel, ospite speciale Edoardo Hensemberger  e Alberto Schieppati, atleta di coppa del mondo. Il S.A.I. Napoli ha sbaragliato in campo giovanile per la massiva presenza dei piccoli atleti, ottimo tra i senior e i master il S.A.I. Milano,  bravo il S.A.I. Bolzano.


Alcune immagini della premiazione. La presidente Veronica Campanile ha voluto giustamente identificare in Giovanni Ceschi e Massimo Albora grandi meriti sportivi, morali e sociali, attribuendo loro il  il  maggior riconoscimento, il SAI d'Oro.
 

 


Poi tutti a cena al “La Raclette”, e a concludere la serata, la presentazione, da parte della Presidente Veronica Campanile, delle prossime iniziative saine quali la “SAIonSAIL”, il programma degli allenamenti estivi, il torneo di Golf, il Concorso 2020, e il nuovo sito internet.



La giornata di domenica si è tenuto l‘ultimo allenamento a cura degli allenatori del SAI Napoli Giovanni Fortunato, Jacopo Romano, Alberta Albora, Chiara Albora e Piero Lottini. Nella tarda mattinata tutti a tavola per l’ultimo bicchiere e i saluti.


Arrivederci al 2020!

 

Tutte le foto nella Gallery.