gototopgototop

Visionare l'informativa sulla privacy
  • story
    Storia
  • soci
    Soci
  • attrezzatura
    Squadre e atleti
  • attivitasportiva
    Gare
  • gallery
    Gallery
  • link
    Links
  • contatti
    Contatti
Messaggio
  • Il presente Sito Web utilizza solo cookie di tipo tecnico e di terze parti. Non sono implementati cookie di profilazione. Proseguendo la navigazione e cliccando con il mouse in qualsiasi punto dello schermo esterno al presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies.

    Prendi visione della privacy

►►►►► MEZZO SECOLO DI SPORT. IL S.A.I. BOLZANO COMPIE 50 ANNI.

Erano gli anni cinquanta, sessanta.

Prima, liceali, facevano le “vasche” in via Museo e si davano appuntamento sotto l’orologio. Poi, universitari, quasi tutti di provenienza Sci Club Bolzano, per continuare a gareggiare migrarono a Padova allo Sci CAI e all’8 Febbraio, a Bologna al Corno alle Scale e all’Edelweiss, a Milano al S.A.I..

Furono i “saini” milanesi che, rientrati a Bolzano, ebbero l’idea. Fu Gianguido Isotti che, col plauso di Giuliano Babini campione universitario e fondatore del S.A.I. italiano nel 1945, convocò nello studio paterno Toni Tattara, Graziano e Cristina Bortolotti, Gianni Dalmasso, Gianni Bianco, Paolo Coser, Heidi dell’Antonio, Gerhard Gostner, Oswald Harrasser, Franco Kettmeir, Ezio Giannelli, Sandro Malossini, Giovanni Pompeati, Franco Wagmeister.

Nacque così nel novembre del 1966 il S.A.I. Bolzano-Bozen, intenzionalmente interetnico e accademico. E se anche negli anni ha accolto nelle proprie fila tanti giovani studenti, l’intento fu sempre di farne forze per lo sci universitario.

Nella graduatoria FISI 1970 il S.A.I. Bolzano fu la migliore società cittadina della regione.

Alla guida del S.A.I. si sono succeduti vari presidenti. Gianguido “Giangi” Isotti, Rodolfo “Rudy” Spadafora, Christl Köllensperger, Antonio “Toni” Tattara, Franz “Franzi” Staffler, Alessandro “Sandro” Steiner, Vinicio “Ciccio” Biasi, nuovamente Franz Staffler (per 22 anni) che ha lasciato nel 2010 il testimone a Patrizia “Patty” Spadafora, attuale presidente. 
Ricordiamo che il S.A.I.  Nazionale è nato a Milano nel settembre del 1945. Ideatore e promotore Giuliano Babini, sei volte campione universitario e azzurro di discesa. Il S.A.I.  fece allora le veci del CUSI per quasi dieci anni, si interessò di sci universitario e annoverò tra le sue file moltissimi atleti: ricordiamo in assoluto le sorelle Marchelli e Fausto Radici. Cresciuti con il S.A.I. Bolzano Peter Stubenruss, Mario Donà, Carlo Agnoli, Ricki Bortolotti, Giulia Polli, Davide Davi, Ernst Eschgfaller, Michele Fata, Guido e Fritz Junior Singer, Giorgio Marchesini, Iorg Ruedl, Thomas Tuti, Roby Demetz e Riccardo Tonetti.

Tra i DT storici Gianni Dalmasso, Christl  Köllensperger, Stefano Ziller.


A conclusione di cinquant’anni di vita sociale, di amicizia e di sport sulle nevi e sul ghiaccio, sui green, in bicicletta e in vela, il week-end scorso fu festa grande.

Nella mattinata di sabato un gruppo di golfisti si è confrontato con i nove par del Golf Club di Lana, un altro gruppo si è cimentato per circa 80 km sulla ciclabile della bassa atesina, in una incantevole cornice di vigneti e frutteti della Val d’Adige, mentre in quella di domenica quasi tutti sono saliti sull’altopiano del Renon - incredibile balcone naturale sulle Dolomiti - chi a piedi chi in funivia per percorrere la Freudpromenade e ritrovarsi poi a tavola in una nota trattoria di Longomoso dalla tipica atmosfera tirolese, situato sulla storica Via degli Imperatori che dal Brennero portava a Bolzano attraverso il Renon. L´edificio risale al XII. Secolo e fa parte dell´antico Ordine Tedesco.

Il momento di maggior attrazione e aggregazione è stato il pomeriggio-sera del sabato, iniziato con il parcour del Messner Mountain Museum tra le antica mura, le torri, le sale e i cortili di Castel Firmiano-Sigmundskron, rese accessibili da una struttura moderna in vetro e acciaio, poi protrattosi sotto la grande tenda per l’aperitivo e le premiazioni, e conclusosi alle tavole imbandite della Sala dei Cavalieri, mentre sugli schermi scorrevano le fotografie degli anni trascorsi assieme, inaspettate e apprezzate, accompagnate da musica e intervallate dagli interventi della presidente Patrizia Spadafora e del presidente nazionale Giovanni Ceschi, rivolti alla platea degli ottanta soci dei S.A.I. federati.

Serata al Castello Firmian

La cena

A Riccardo Tonetti il nuovo maglione sociale

Il taglio della torta:
Nanni Ceschi, Patty Spadafora, Gianni Dalmasso

Tra gli ospiti d’onore Peter Lorenz e Signora dello Sci Accademico di Innsbruck (ASCI), figlio di Otto, già Presidente dello Sci Accademico Austriaco, Consigliere F.I.S., Presidente del O.S.V., Giovanni Ceschi presidente nazionale del S.A.I., figlio di Leo socio fondatore nazionale, Franco Lucchi e Signora past president del S.A.I. Trieste, Alessandra Melloni Pesavento presidente del S.A.I. Vicenza, Iaia Tamburi Ercolani presidente del S.A.I.  Roma, Valentina Ramirez Pisani presidente del S.A.I. Napoli, Nicoletta Levi presidente del S.A.I. Milano.

Ospite eccellente Riccardo Tonetti, attorniato dai suoi amici, figlio dei soci Giovanna e Sergio, cresciuto col S.A.I. fino alla categoria aspiranti, campione assoluto di Coppa Europa nel 2015 e campione nazionale nel 2016, ottimi piazzamenti in Coppa del Mondo.

Sono stati attribuiti i seguenti award: S.A.I. d’oro ad Andrea Fraschini, chirurgo illustre, nazionale universitario e campione di combinata maschile, già membro della nazionale azzurra, orgoglioso padre di Camilla, 4^ e 5^ alla XXIV Universiade invernale. Targa di cristallo a Gianni Dalmasso, già S.A.I. d’oro nel 2006, per l’instancabile attività svolta a favore del S.A.I..


La SAIGREN vista da Alessandro Melloni.

Ebbene YES! Anche quest’anno i golfisti Saini hanno dato il meglio di sé!! Nella spendida cornice della Val Venosta, tra meli e vigne stracarichi di frutti,  volavano le palline marcate S.A.I..
Campo in perfette condizioni, solo nove buche - e non diciotto – per lasciare spazio ai festeggiamenti per il 50esimo della fondazione del S.A.I. Bolzano !! Sette Signore e sette maschietti si sono sfidati a colpi di drive e di pitch. Qualcuno è finito nelle vigne, qualcuno sotto i meli, tutti hanno rubato e mangiato qualche mela e qualche “graspo de ua”. Ottimi entrambi.

Vincitori nel netto Piero Antonini (scenderà perfino di hcp !), tra le ladies Heidi Tattara e nel lordo Alesssandro Melloni. Vincitore tra gli juniores (era l'unico, ma bravo) Lodovico “Lodo” Agnoli. 
Premio speciale una bottiglia marchiata <Ca’ Vendri>  a Andrea Fraschini, primo degli otto soci del VILLA CA’VENDRI GC.


Alla prossima, evviva il S.A.I. Bolzano!

Lodovico Agnoli

Anna Antonini tra Lodovico e Mario Agnoli

I coniugi Nesticò con Cristina Bortolotti

Piero Antonini, Simonetta de Luterotti Staffler, 
Renate Kritzinger Baumgartner, Alessandro Melloni

 

Tutte le foto nella Gallery (fotografa Stefania Zanetti - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )