gototopgototop

Visionare l'informativa sulla privacy
  • soci
    Chi siamo
  • story
    Storia
  • attivitasportiva
    Statuto e fondazione
  • comunity
    SAI Community
  • attrezzatura
    Materiali e tecnica
  • gallery
    Gallery
  • aicc2015
    AICC 2015
Messaggio
  • Il presente Sito Web utilizza solo cookie di tipo tecnico e di terze parti. Non sono implementati cookie di profilazione. Proseguendo la navigazione e cliccando con il mouse in qualsiasi punto dello schermo esterno al presente banner, verrà accettata l’impostazione predefinita dei cookies.

    Prendi visione della privacy

Il “grande” Max.

Nella fotografia assieme al dott. Leonardo Coiana, presidente CUSI - Da: SPORT UNIVERSITARIO Aprile 2013

C’è sempre ai campionati universitari anche se è …fuori corso da qualche anno. La sua figura sulle piste è inconfondibile, alto e massiccio com’è, questo milanese, Max Dubini, che ama la montagna e soprattutto lo sport universitario che segue da tanti anni, anche da dirigente come fece vent’anni fa quando con Alessandro Montanini organizzò proprio qui a San Martino di Castrozza i campionati universitari per il Cus Parma.
“Non c’era la neve di questi giorni – ricorda – ma furono ugualmente degli ottimi  campionati. Da allora non me ne sono perso uno”.

Ingegnere tessile, con attività nella Brianza, abita nel cuore di Milano in quella via Senato che prese il nome proprio dall’istituzione che vi sorse alla fine del 1400 su volere del Re di Francia. Anche lui sembra proprio un senatore, più romano che lombardo in verità, tipo quelli che appaiono nei films storici.

Ricorda con nostalgia quando partecipò al suo primo campionato nel 1951 a St. Moritz e la discesa libera del ‘56 a Bormio quando fu fra i primi. Ai CNU, nel periodo universitario, gareggiò per il Cus Milano nel peso e nell’alto ma la sua attività ha abbracciato anche il tennis col Milano Club e poi il basket col Cus Milano in serie B.

“Ho giocato anche a rugby nell’Amatori” conclude con un pizzico di nostalgia questo personaggio che ha presenziato a diverse Universiadi a cominciare da quelle del 1995, Jaca in Spagna e Fukuoka, in Giappone.

Max Dubini, presidente del Sitex (ente per lo sviluppo e immagine tessile) che organizza l' importante fiera internazionale Moda In tessuto & accessori, è in parte soddisfatto, in parte preoccupato. «In un periodo difficile come questo i dati mi sembrano abbastanza buoni: 416 espositori, dei quali 90 stranieri, con una forte presenza di francesi (40) e di spagnoli (16). Inoltre, acquista sempre più importanza quel settore che va sotto il nome di accessori e che comprende bottoni, lampo, passamanerie, tessuti elastici, che è aumentato tra il 3,9 e il 6,2 per cento».

 

 

alt

Da quando il SAI conosce Max Dubini?

Meglio dire il SAI Milano, perché fu nel 1952 che la novella matricola di ingegneria, con un passato sportivo in atletica lancio del peso e salto in alto, nel gioco del rugby, ma soprattutto nelle discipline veloci invernali della discesa, si iscrisse al prestigioso sodalizio milanese.
«Prima non mi fu possibile - rammenta Max - lo statuto non me lo consentiva».

La vita dentro il SAI Milano lo coinvolse e lo appassionò.  Ne divenne Presidente negli anni ’60, fu Presidente nazionale dal ’73 - anno in cui lasciò Franco Magrini nominato dalla FISI responsabile del settore universitario - al ’75.  Durante il mandato organizzò il Concorso Internazionale di Cortina d’Ampezzo (1973) e di Bormio (1974), e al contempo i Trofei Gilera di Bressanone e San Vigilio di Marebbe, oltre all’organizzazione di vari CNU.

«Quell’articoletto apparso sull’ultimo numero di Sport Universitario è stato un graditissimo riconoscimento da parte del CUSI per la mia lunga attività come dirigente FISI e FIS nelle varie discipline dello sci universitario. Molte volte mi sono occupato dell’organizzazione dei CNU e del Trofeo Gilera. Ho sempre partecipato alla selezione degli atleti e degli allenatori da convocare in occasione delle Universiadi Invernali. Per almeno dieci volte in quelle manifestazioni ho rappresentato la FISI. Tra le Universiadi più particolarmente riuscite, ricordo Sapporo (Giappone), Muchu (Corea), Yabouli (Cina) e Erzurum (Turchia). Ma sono stato anche negli Stati Uniti, in Libano ... ad accompagnare i ragazzi in gare internazionali ...»

Personaggio eclettico questo “nostro” Max Dubini, ingegnere tessile, attualmente ai vertici di S.I.TEX e Moda In, dirigente Cusi, coordinatore tecnico UNI-FISI, socio benemerito dello Sci Accademico Italiano ... e talvolta "divo" del Cabaret del SAI.

E leggetevi anche le sue “Note sul Concorso” alla pagina http://www.sciaccademicoitaliano.it/20110426103/Storia/concorso-internazionale-103/menu-id-317.html.